Centro FIVET fecondazione in vitro - Ospedali Privati Forlì

FIVET

Fecondazione in vitro con embrio transfer

Cos'è

La fecondazione in vitro con embrio transfer (FIVET) è una tecnica di procreazione assistita di II livello che prevede l'incontro tra gameti maschili e femminili al di fuori del corpo della donna. L'embrione che si forma in laboratorio viene poi trasferito in utero, perché avvenga l'impianto e prenda avvio la gravidanza.

I nostri specialisti sono a tua disposizione

Come si effettua

Una volta effettuata la stimolazione ovarica e raggiunta la maturità degli ovociti, si procede al cosiddetto pick up: tramite un ago posizionato su una sonda ecografica vengono aspirati tutti i follicoli e di conseguenza prelevati gli ovociti in essi contenuti. Gli ovociti vengono quindi inseminati, mettendoli a contatto con il campione seminale precedentemente preparato.

Dopo 24 ore, si osserva la fertilizzazione degli ovociti e dopo altre 24 ore la formazione degli embrioni. Questi vengono quindi trasferiti in utero attraverso un procedimento indolore.
Successivamente, la paziente assume progesterone a supporto della fase luteale, per favorire l'impianto e di conseguenza l'avvio della gravidanza.

Scarica la MODULISTICA

Contattaci
per fissare
la prima visita

Abbiamo attraversato tanti stati d’animo differenti prima di arrivare alla felicità, con Nicolò tra le braccia. In tutti i momenti difficili, non abbiamo smesso di fidarci degli specialisti di Villa Orchidee, della loro esperienza e della grande serietà di Ospedali Privati Forlì. E abbiamo fatto bene.

Maya e Davide

I problemi di infertilità di Denis ci hanno portato fino a Villa Orchidee, e il dottor Borini e la dottoressa Trevisi ci hanno accompagnato nel nostro percorso attraverso la fecondazione eterologa. In Italia su famiglie come la nostra ci sono ancora tanti pregiudizi, che per fortuna nel nostro caso non ci hanno fermato.

Giovanna e Denis

Ci siamo avvicinati a questo percorso dopo molte incertezze, ma spinti dal desiderio di avere una famiglia nonostante il mio tumore. La speranza che avevamo si è fatta ancora più grande quando ci siamo rivolti a Villa Orchidee. E la vita ha vinto, anche questa volta.

Maria e Giacomo