Approfondimento

Alimentazione bambini: quali scelte in estate

L’arrivo dell’estate e del caldo, ma anche la diversa organizzazione delle giornate, con un maggior tempo libero a disposizione, può determinare dei cambiamenti nelle abitudini alimentari dei bambini e dei ragazzi.

È frequente infatti, soprattutto nei bambini in età prescolare e scolare, assistere ad una variazione del ritmo del sonno, al rifiuto della prima colazione, ad un più frequente consumo di gelati e ad una maggiore ricerca di bevande zuccherate fredde, a discapito di frutta e verdura.

Mantenere un’adeguata alimentazione dei più piccoli anche in questo periodo, rappresenta un importante accorgimento per far sì che le vacanze siano veramente un momento di svago e di benessere per tutta la famiglia. Un’alimentazione corretta è, infatti, alla base di un adeguato accrescimento, pertanto la giornata alimentare del nostro bambino deve mantenere, anche durante il periodo estivo, tre caratteristiche fondamentali: varietà, moderazione e completezza.

alimentazione-bambini

Varietà perché non esiste un alimento completo, cioè che da solo sia in grado di soddisfare tutte le esigenze nutrizionali dell’organismo; moderazione perché a volte è difficile, per i genitori, individuare quale sia la giusta dose di un determinato alimento, con il rischio di eccedere sulla quantità a scapito della qualità; completezza perché il pasto deve essere composto da alimenti differenti per garantire la presenza di tutti i nutrienti, preservando il gusto.

Spesso in estate, alzandosi più tardi al mattino, i bambini tendono a “saltare” la prima colazione. Non bisogna abbandonare quella che invece è una sana abitudine: è possibile però attuare delle strategie per preservarla, per esempio ritardare un po’ l’orario rispetto al periodo scolare oppure sfruttare il maggior tempo a disposizione per acquisire nuove abitudini legate a questo momento della giornata, come mettere in tavola yogurt, frutta e prodotti da forno semplici.

Le temperature più alte, inoltre, portano spesso ad una maggior assunzione di bevande zuccherate, che apportano calorie, senza peraltro dissetare. I succhi di frutta possono rappresentare degli spuntini di emergenza, ma non devono essere considerati come sostituti dell’acqua (in quanto ricchi di zuccheri), né della frutta, unica per il suo contenuto in fibra e il suo elevato potere saziante. Il modo migliore per dissetare anche i più piccoli rimane quindi l’acqua, magari con l’aggiunta di un po’ di succo di limone, così da reintegrare i sali minerali persi.

Il bambino in estate potrà rifiutare alimenti cotti e caldi come carne o pesce: senza preoccuparsi subito per questo comportamento, gli si potranno offrire piatti freddi e semplici, cercando di preservare la completezza del pasto. Una valida alternativa è costituita da “insalatone colorate” oppure dalla classica insalata di riso o di pasta; ma anche un semplice panino può diventare un’ottima alternativa, scegliendo pane fresco e non condito da riempire con verdura (pomodori, insalata, verdure grigliate) e qualche fetta di prosciutto, mozzarella o uovo sodo. Sono invece sicuramente da evitate piatti elaborati come pasta al forno o paste ripiene, che per il loro apporto di grassi rendono più difficoltosa la digestione.

Frutta e verdura, purtroppo, rappresentano spesso uno dei principali “nemici” per i più piccoli; questo gruppo di alimenti offre in realtà, soprattutto in estate, un’ampia varietà di prodotti che si caratterizzano per il loro arcobaleno di colori, ad ognuno dei quali corrispondono sostanze diverse, tutte indispensabili nell’ambito di una alimentazione equilibrata. Questa stagione può essere, quindi, sicuramente un aiuto per i genitori nel proporre qualche nuovo assaggio, giocando sui colori e sulle preparazioni, come per esempio delle macedonie colorate o degli spiedini o ghiaccioli di frutta preparati in casa, magari coinvolgendo proprio i più piccoli nella preparazione.

E se, soprattutto in vacanza, hanno voglia di un buon gelato? Nessun problema: il gelato può essere inserito nella “giornata alimentare” dei più piccoli, a patto che sia collocato al posto giusto! Può rappresentare, infatti, una valida alternativa alla merenda oppure può essere destinato al dopo cena, magari al termine di una bella passeggiata.

Da non dimenticare, infine, un po’ di divertente movimento: da favorire sicuramente i giochi all’aperto per far si che i più piccoli non si annoino, senza che indugino troppo tempo di fronte alla TV o ai videogiochi!

Il laser verde (Greenlight) per la prostata

L’Ipertrofia Prostatica Benigna (IPB) è una problematica molto diffusa (interessa l’80% degli italiani over 50) che determina l’ingrossamento anomalo della prostata, cioè della piccola ghiandola attraverso cui passa l’uretra (il condotto che dalla vescica porta l’urina verso l’esterno); ingrossandosi, la prostata va a comprimere proprio l’uretra, ostacolando la fuoriuscita dell’urina e rendendo il getto urinario più debole e le minzioni più frequenti.

Si tratta di una problematica progressiva, ovvero i cui sintomi peggiorano negli anni: per questo, se non adeguatamente trattata, può provocare un danno permanente alla vescica che può, in casi estremi, perdere la capacità di contrarsi e, quindi, di svuotarsi.

In caso l’iniziale terapia farmacologica (a base di farmaci alfa-bloccanti, inibitori della 5-alfa reduttasi o, in alcuni casi, trattamenti fitoterapici) non risulti efficace, oggi il trattamento di questa problematica della prostata non richiede più necessariamente un intervento di chirurgia tradizionale; questo grazie a strumenti innovativi come il laser verde Greenlight, in grado di trasformare il tessuto prostatico in bollicine di vapore (vaporizzazione), o di scollare l’adenoma, facendolo scendere nella vescica per poi aspirarlo con un morcellatore (enucleazione).

Il laser verde per la prostata può essere utilizzato senza sospendere i farmaci anticoagulanti, così come su pazienti a rischio (es. portatori di pacemaker); inoltre, il suo elevato potere emostatico favorisce una degenza post-operatoria veloce, una rimozione rapida del catetere dopo l’intervento e un’altrettanto rapida ripresa delle attività quotidiane.

Non è un caso se due prestigiose organizzazioni europee come l’inglese NICE (National Institute for Clinical Excellence, che valuta l’efficacia degli interventi medici) e la tedesca G-BA (che determina i livelli dei rimborsi in ambito sanitario) hanno già certificato la superiorità degli interventi con il laser verde Greenlight rispetto alla chirurgia tradizionale; anche per questo, Ospedali Privati Forlì ha scelto di avvalersene per la propria unità di urologia.

Fusion biopsy

La fusion biopsy è un’innovativa tecnica che consente di affinare lo screening dell’apparato urinario, permettendo di diagnosticare ed eventualmente intervenire in modo più preciso ed efficace, in particolare nei confronti del tumore alla prostata.

Questa metodologia si basa sulla combinazione delle immagini di una risonanza magnetica multiparametrica, come quella ad alto campo in dotazione al servizio di diagnostica per immagini di Ospedali Privati Forlì (sede di Villa Serena), con quelle di un ecografo 3D.

La fusion biopsy si basa sul principio secondo cui la zona segnalata come sospetta dalla RM, dopo la fusione d’immagine con l’ecografia, compare come un bersaglio, verso il quale si simula il tragitto della biopsia alla prostata, eventualmente modificandolo all’occorrenza e registrando ogni singolo step. L’operatore può in questo modo indirizzarsi verso il punto preciso da esaminare, escludendo altre zone, e individuare con elevata precisione anche il volume di un eventuale tumore.

Numerosi sono i vantaggi di questa tecnica rispetto alla biopsia ecoguidata standard: non solo si osserva una riduzione dei prelievi prostatici e dei casi falsi-negativi, ma si evitano anche le più comuni complicanze da biopsia transrettale, quali sangue nelle urine, nel liquido seminale e nel retto; ma anche infezioni urinarie dovute al potenziale passaggio di germi dal retto alla prostata e prostatiti acute. Trattandosi di una tecnica di indagine di secondo livello, l’indicazione di questo screening spetta al medico di medicina generale o allo specialista.

Trattamento laser per capillari e inestetismi vascolari

I capillari, siano essi rossi o blu, rappresentano uno degli inestetismi più diffusi della pelle; possono manifestarsi in qualsiasi zona del corpo, anche se gambe e volto sono quelle più frequenti. Un altro comune inestetismo è rappresentato dalle teleangectasie, ovvero quei reticoli di piccole vene dilatate che più spesso si osservano sulla pelle, sulle membrane mucose e nella parte bianca dell’occhio: spesso associate a dermatosi, possono essere causate da fattori genetici o legati a età, gravidanza ed esposizione al sole.

Per risolvere queste problematiche, a Villa Orchidee è disponibile un trattamento laser per capillari e lesioni vascolari di vario genere: effettuata dal dottor Fausto Campana, specializzato in Chirurgia d’urgenza e perfezionato in Flebologia di base, clinica e specialistica, questa prestazione si avvale di strumentazioni all’avanguardia, come l’innovativo sistema laser Nd:YAG, che consente di trattare capillari fino a qualche millimetro di diametro.

La lunghezza d’onda del laser Nd:YAG  grazie ad un puntale in zaffiro è in grado di lavorare a contatto con la pelle ottimizzando la trasmissione dell’energia e riducendo in modo significativo l’effetto dell’indice di riflessione aria-cute. Nel trattamento delle lesioni vascolari con il laser Nd:YAG, si concentra selettivamente il calore sui capillari provocandone la chiusura: il colore roseo o rosso-blu si attenua o sparisce nel corso del tempo, mentre la cute rimane integra e intatta. Tutto questo comporta solo una lieve sensazione di bruciore, ben tollerabile, in quanto il laser è dotato di un potente sistema di raffreddamento a contatto.

Il trattamento delle lesioni vascolari mediante il laser Nd:YAG dona al paziente risultati soddisfacenti e soprattutto duraturi, anche se non sempre immediati: in particolare sulle gambe, i capillari possono persistere con un colore più scuro per qualche mese, il tempo necessario affinché i processi naturali di guarigione del corpo facciano il loro corso.

Un efficace trattamento laser per capillari necessita di due o tre sedute da ripetere con intervalli che vanno dai 45 giorni ai 3 mesi. A partire da un mese prima e per tutta la durata del ciclo, è consigliabile evitare l’uso di lampade abbronzanti e l’esposizione solare.

Laser per capillari - casi clinici

(Per gentile concessione dei Prof. P. Campolmi – Prof. G. Cannarozzo – Prof. P. Bonan)

Copyrights © 2019 - Ospedali Privati Forli SpA - p.i. 00376360400