Inaugurati i nuovi locali di endoscopia di Ospedali Privati Forlì

marzo 16, 2018

Sono stati inaugurati questa mattina a Villa Serena i nuovi spazi dedicati al servizio di endoscopia digestiva di Ospedali Privati Forlì. A seguito di un intervento di ristrutturazione, riorganizzazione e ampliamento dei locali, è stato realizzato un complesso operativo di circa 200 mq, attrezzato con strumentazione di ultimissima generazione, finalizzata all’indagine e alla cura dei disturbi dell’apparato gastro-intestinale.

L’investimento, pari a oltre 500mila Euro, permette di offrire agli utenti un servizio avanzato che va ad integrare le specialità mediche di gastroenterologia, proctologia, ma anche urologia/andrologia, ginecologia e dermatologia: l’elevata qualità delle prestazioni rende così Villa Serena un punto di riferimento nell’ambito dell’endoscopia. Il complesso si articola in un blocco che comprende due ambulatori chirurgici, corredati da ambienti dedicati all’osservazione e al risveglio dei pazienti che siano stati sottoposti a pratiche endoscopiche in sedazione, cosciente o profonda. Vi si trovano anche due nuovi processori che consentono di eseguire quella che oggi viene chiamata “endoscopia potenziata”. Essa permette di visualizzare le immagini del tubo digerente ad alta definizione, con una risoluzione di gran lunga superiore rispetto all’endoscopia standard, al fine di individuare lesioni anche di pochi millimetri. Ma questa non è l’unica o la più importante differenza: i nuovi strumenti possono variare lo spettro di luce della telecamera dell’endoscopio e valutare la distribuzione dei capillari, consentendo di distinguere lesioni benigne da quelle maligne. L’endoscopia potenziata, in questo senso, è in grado di effettuare diagnosi più precise, di individuare un cancro in fase molto più precoce e di eseguire prelievi bioptici molto più mirati rispetto al passato.

All’inaugurazione erano presenti il Direttore sanitario di Ospedali Privati Forlì, Dottor Claudio Simoni, il Direttore del servizio di Endoscopia digestiva del Gruppo, Dottor Enrico Ricci, l’Assessore alle Politiche per la salute del Comune di Forlì, Raoul Mosconi, il Presidente della Commissione Salute della Regione Emilia-Romagna, Paolo Zoffoli, insieme ai dirigenti e al personale di Villa Serena e del Gruppo sanitario forlivese. Il potenziamento del servizio è volto a rafforzare l’attività di diagnosi precoce delle patologie a carico dell’apparato digerente, a partire dagli screening per prevenire i tumori, fino agli accertamenti a supporto di una visita specialistica per rilevare problematiche come ulcera, gastriti… Nell’ambito dell’unità vengono effettuati già da tempo anche trattamenti endoscopici di tipo curativo, come quello di emorragie o di lesioni a carico dei vari segmenti dell’apparato; l’asportazione di malformazioni e altre tipologie di intervento per ripristinare il corretto funzionamento del processo digestivo. Inoltre, l’attività di endoscopia rappresenta oggi un’ulteriore risorsa per l’attività operatoria tradizionale, intervenendo con soluzioni mininvasive nella terapia chirurgica di alcune delle patologie di stomaco, colon e retto, anche in supporto alle adiacenti sale operatorie della storica clinica cittadina.

Nell’ambito del nuovo servizio di endoscopia digestiva si effettuano anche attività diagnostiche come esofago-gastro-duodenoscopie (cosiddetta gastroscopia) e retto-colonscopie, anche in sedazione profonda ed endoscopie urologiche. A guidare il servizio è il dottor Enrico Ricci, specialista con oltre 30 anni di esperienza in gastroenterologia ed endoscopia digestiva, che lo hanno portato a ricoprire il ruolo di primario dell’omonima Unità presso l’Ospedale di Forlì e di Cesena e che ha al proprio attivo anche numerosi interventi in condizioni di urgenza. Tutte le prestazioni sono disponibili sia in modalità di convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, che tramite accesso privato, sia per pazienti ambulatoriali, che per quelli inviati da altre strutture, perché necessitano di accertamenti mirati.

Grazie alle apparecchiature di ultima generazione da oggi presenti anche a Villa Serena, c’è un’arma in più per contrastare l’insorgenza di neoplasie di tipo digestivo, che rappresentano la prima causa di morte negli adulti. Se, infatti, quelle di pancreas, fegato e stomaco sono ancora piuttosto aggressive, quella al colon retto (ha un’incidenza di circa 50mila casi all’anno in Italia) è in realtà quella che oggi garantisce una maggiore sopravvivenza, proprio grazie all’attività di diagnosi precoce che è entrata a far parte delle abitudini degli italiani: lo screening, la cui copertura è omogenea in tutto il territorio italiano, consiste nel test del sangue occulto fecale da farsi in individui al di sopra dei 50 anni o nella colonscopia, prevista ogni due anni nei soggetti a rischio.

Prosegue anche nel 2018 con questa prima realizzazione, il percorso di sviluppo di Ospedali Privati Forlì, che nel 2017 ha effettuato investimenti per circa 1,5 milioni di Euro (tra cui figurano anche parte di quelli per la ristrutturazione e la rimessa in opera di Villa Orchidee, che sarà inaugurata attorno all’estate); per il 2018 il Gruppo prevede un re-investimento di circa l’8% dei ricavi in nuovi servizi e attrezzature. La nuova area di endoscopia digestiva costituisce una risorsa aggiuntiva anche per l’ambulatorio proctologico integrato, per indagare e trattare le problematiche relative all’ultimo tratto dell’intestino. L’attività chirurgica del Gruppo, nel 2017, si è attestata attorno a 6.700 interventi, effettuati complessivamente nelle 5 sale operatorie di Villa Serena e Villa Igea.