Pavimento pelvico

Il pavimento pelvico ha il compito di sostenere e garantire la funzione degli organi del basso ventre, comprendendo le aree genito-urinaria e anale. Esso può indebolirsi a causa di interventi chirurgici, traumi o sforzi (primo fra tutti, il parto), di variazioni ormonali, ma anche per effetto di sedentarietà, del prolasso di organi interni, spesso causato dall’età. Un’attenta e specifica attività di prevenzione, in particolare correlata a quella ginecologica (es. pap test) è importante per ridurre i rischi a carico di questo delicato insieme di muscoli e tessuti. Anche esercizi fisici mirati concorrono alla sua salute, con effetti positivi sulla sfera sessuale, oltre che sulla fisiologia di tutti gli organi connessi.

A richiedere accertamenti specifici in merito alla piena funzionalità del pavimento pelvico possono essere problematiche come:
-Alterazioni dell’apparato e della funzione sessuale
-Cistite
-Diverticoli uretrali
-Dolore pelvico cronico
-Incontinenza urinaria e fecale
-Prolasso del retto/rettocele/intussuscezione retto-anale
-Prolasso genitale
-Prolasso muco-emorroidario
-Ritenzione cronica di urine
-Stipsi e disturbi della defecazione
-Vaginite.

Poiché le cause alla base di questi problemi possono essere riconducibili a organi differenti, l’approccio proposto da Ospedali Privati Forlì è trasversale e multidisciplinare, a partire dall’indagine diagnostica che può essere affidata a
-Anoscopia, Colonscopia, Proctoscopia ad alta risoluzione
-Colposcopia, Isteroscopia, Vaginoscopia, Vulvoscopia
-Ecografia (pelvica, trans-vaginale, trans-anale)
-Studi elettrofisiologici del pavimento pelvico
-Studio dei tempi di transito intestinale
-Studio urodinamico
-Valutazione clinica e funzionale specialistica
-Valutazione fisioterapica
-Valutazione psicologica.

Al recupero della piena efficienza del pavimento pelvico possono concorrere differenti soluzioni terapeutiche, quali

Terapie Chirurgiche
-Chirurgia del prolasso rettale e proctologica in generale (S.T.A.R.R., THD doppler, plastica obliterativa di rettocele…)
-Chirurgia delle fistole anali e delle cisti pilonidali con fistuloscopio (VAAFT, EpSiT)
-Colpoisterectomia
-Impianto di protesi inter-sfinteriche (Sphinkeeper)
-Plastica vescicale e uretrale.

Terapie Farmacologiche personalizzate

Terapie Fisioterapiche
-Biofeedback (manuale e/o elettrico)
-Fisiokinesiterapia Perineale (FKT)
-Magnetoterapia/Tecarterapia (radiofrequenza)
-Rieducazione posturale
-Stimolazione elettrica funzionale.

Terapie Psicologiche
-Psicoterapia psicoanalitica
-Risoluzione blocchi/conflitti emotivi o traumi con terapia EMDR (desensibilizzazione emotiva e corporea e rielaborazione cognitiva con il movimento oculare)
-Risoluzione disturbi sfera sessuale
-Sostegno a pazienti e familiari pre e post intervento chirurgico.